Sei in: Calendario Eventi \ Scheda evento

 

Venerdì 15 giugno 2018

ANTONIO PASCUZZO aka Rossoantico in Concert + Music party

Dalle 19 Aperitivo,Cena e bar
-ore 22.30 inizio concerto a seguire Lian Music party
INGRESSO GRATUITO!

ANTONIO PASCUZZO Aka Rossoantico
Antonio Pascuzzo ritorna dal vivo al Lian Club, sul bayyello della musica che ci tiene a galla, per un recital intimo e intenso.
Il concerto alterna l’intimità struggente di un sirtaky all’ondeggiare commosso del mariachi, le ritmiche incalzanti del manouche, fino ai travolgenti andamenti della polka, coinvolgendo il pubblico in un crescendo emotivo e fisico.
Antonio Pascuzzo chitarra e voce, Daniele Gai chitarra, Gabriele Giovannini chitarra, Giulio Ciani contrabbasso, Mario Dovinola piano, Carmine Ioanna fisarmonica, questa la formazione che sabato 21 Aprile salirà sul palco galleggiante del Lian.
Pascuzzo ha pubblicato il suo primo album Rossoantico nel 2010 che lo ha visto finalista al premio Tenco nel 2011; dal 2010 al 2014 ha tenuto oltre 150 concerti in prestigiosi teatri, festival, club (Villa Ada Roma incontra il mondo 2 volte, Auditorium Parco della musica, Auditorium della Conciliazione, Roccella Jazz, Atina Jazz Festival , il Jazz Italiano per le terre del sisma, Jazz in campo, Urbino Jazz club, Train de vie a Napoli,) è stato ospite di Serena Dandini a Parla con Me, https://www.youtube.com/watch?v=e5VsABRyUMw ;
di numerosi programmi nazionali in radio e tv.
al Tg 2 https://www.youtube.com/watch?v=ZjP5YVvOA2g&pbjreload=10
a Rai 2 Scalo 76 https://www.youtube.com/watch?v=gTJuX1Hfddk;
Nel 2015 pubblica “PASCOUCHE” che viene selezionato tra i 12 finalisti al MEDIMEX, tra 275 progetti, provenienti da 17 Paesi di 3 continenti.
Un successo il suo concerto al Medimex del 20 ottobre 2015. http://www.pugliasounds.it/medimex/it/300/antonio-pascuzzo-ita/416/
L’album è accolto da lusinghiere recensioni: ecco uno stralcio del commento di Michele Monina per il fatto quotidiano, “Quanto roba ‘Pascouche’ di Antonio Pascuzzo, mamma mia. A volte, per chi fa il critico musicale, la nuova idea di discografia risulta un sollievo. Dischi, passatemi un termine vintage, che visto l’artista che andiamo a trattare non è neanche così fuoriluogo, dischi, si diceva, tutti fatti con lo stampino. Un singolo, massimo due, e altri brani messi lì a fare massa. Ma non massa muscolare, ciccia, adipe, roba superflua. ‘Pascouche‘, invece, album d’esordio, si fa per dire, di Antonio Pascuzzo, già guida dell’orchestra da club Rossoantico, è tutt’altro. Tanta tanta roba.
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/05/24/pascouche-lesordio-di-antonio-pascuzzo-da-ascoltare-con-cura/1711008/
Di 3 brani dell’album, Pascuzzo realizza una mini serie video in tre puntate che vince il Procida Fim festival ed il Magna Graecia Film festival.
La prima traccia dell’album è scelta da Elio Germano per dare il titolo al festival “ALTA FELICITA’ “ in Valsusa.
Pascuzzo è un ricercatore e ambienta le storie narrate dai suoi testi negli scenari che le musiche del mondo sanno offrirci: il fado, il calypso, la musica cubana, la musica da camera, i suoni balcanici, lo swing, il blues, il rock, il manouche appunto. Per il suo valore artistico e culturale il progetto è entrato nel prestigioso catalogo dell’etichetta Parco della Musica Record, notoriamente riservata ai grandi maestri del jazz.
Pascuzzo ha suonato tra gli altri con: Kocani Orkestar, Hevia, Angelo Debarre, Fabio Concato, Sergio Caputo, Rocco Papaleo, , Solis String Quartet

CONTATTACI | ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER